FENOMENI LOW cost

ciclo di vitaQuando i primi club a 19,90 appoggiavano i piedi sul mercato italiano, uno dei consulenti più blasonati del mondo del fitness, mi disse che a suo parere l’Italia, a differenza dei freddi paesi del nord, sarebbe stata investita solo marginalmente dal fenomeno low cost.
A ben vedere i numeri però, …
con l’introduzione del fenomeno low cost, il mercato italiano del fitness è definitivamente entrato nella sua fase di maturità.
L’applicazione della leva del prezzo in maniera così aggressiva, erode i margini diminuisce i flussi spingendo gli operatori di settore a voler “mungere la vacca” come direbbero gli americani, cercando di abbassare i prezzi, limitare i servizi, tagliare i costi, per spremere al massimo il mercato e dopo un certo tempo, valutare se continuare o cambiare target, segmento, mercato.
Fredda e lucida la strategia americana, ma il mercato del fitness italiano è fatto per lo più di piccoli imprenditori che arrivano dal mondo sportivo, che hanno investito i propri risparmi e/o che stanno affrontando un mutuo e pensare semplicemente di “mungere la vacca” e di cambiare target, settore o segmento non è una soluzione che può soddisfare la maggior parte di questi imprenditori.
A differenza del mondo dei prodotti, che risente di un effetto low cost molto piu globalizzato per effetto delle tecnologie digitali di comunicazione, il mondo dei servizi ad erogazione on-site come il fitness & wellness, rimane esposto al fenomeno limitatamente al bacino di utenza del centro considerato.
E’ per questo motivo che i network low cost stanno saturando sia le zone cittadine che quelle più periferiche, aumentando il loro numero in maniera esponenziale.
Sento tutti i giorni molte considerazioni su quello che è giusto o non è giusto fare per il settore, spesso sono commenti mascherati da lamentele.
Resta il fatto che il fenomeno low cost c’è per il fitness, come c’è stato quando Ikea, Mc Donald e altri sono approdati nel nostro paese.
Ok, il mercato del fitness è più stretto e meno diversificato di quello della ristorazione, e le dinamiche posso essere differenti, ma resta il fatto che lamentarsi serve a poco, conviene invece trovare una soluzione che permetta di stare sul mercato.
Il low cost si sta diffondendo rapidamente, aspettare tranquillamente che una di queste strutture venga aperta affianco alla tua palestra, può essere quantomeno pericoloso.
Nel momento in cui però questo accade e la palestra magicamente dopo un po’ si svuota, la reazione degli imprenditori è di diverso tipo:

  • Pensare che l’unica strada per fronteggiare la situazione sia copiare il modello low cost abbassando i prezzi.

  • Reagire al contrario aumentando i prezzi senza avere valutato la reale possibilità di farlo

  • Pensare ad una soluzione differente che permetta di stare sul mercato.

Se stai leggendo questo blog, hai deciso di abbassare i prezzi e convertirti al modello low cost, mi sento di dire che l’idea è piuttosto pericolosa nel breve periodo, sia per quanto riguarda i flussi di cassa che per la gestione dei soci attivi (ridurre il prezzo può generare parecchie questioni da risolvere, ma questo lo sapevi già ;-)
Però se sei sufficientemente distante dall’estate, hai un ottima riserva di liquidità da investire per cambiare il modello di gestione e supplire alla diminuzione dei flussi di cassa per i prossimi 12 mesi, e una buona dose di energie nervose per gestire le questioni sollevate dai 1400 soci attivi che hai nel tuo club, puoi sempre tentare.

Pensare ad una soluzione differente per stare sul mercato basata sulla situazione locale, è la scelta più sicura e controllabile.
E’ comunque una scelta coraggiosa da intraprendere, perché cambiare e cercare nuove soluzioni non è facile, mentre lasciarsi affascinare dalla riduzione dei prezzi si.
Ma restare fermi a vecchi modelli in un mondo che cambia cosi velocemente, io credo sia molto più rischioso che affrontare un processo di cambiamento controllato.
C’è da considerare infine che molte strutture che hanno saputo cambiare prontamente accettando la situazione e accogliendo il cambiamento prima di altri, hanno avuto risultati persino migliori del periodo pre-crisi,
a voi la scelta amici.